Interni STAMPA

Aula vuota per Mauro. Ma i deputati non ci stanno

L'informativa del ministro della difesa davanti ai banchi vuoti. Anzaldi (PD) accusa la presidente Boldrini
Aula vuota per Mauro. Ma i deputati non ci stanno

La scena oramai e’ rituale, quasi un rictus: l’aula vuota del Parlamento in occasione di momenti importanti, quelli che non si possono mancare. Come l’informatica del ministro della difesa, Mario Mauro, sulla morte del capitano Giuseppe La Rosa, vittima di un attentato in Afghanistan.

«Provo un’amarezza profonda, a fronte di quello che è accaduto, nel vedere quest’aula vuota», ha reagito Mauro, di fronte ai banchi vuoti. “A chi dovrebbe guardare la politica in Italia – ha accusato il ministro – se non a un uomo come Giuseppe La Rosa?”

La polemica monta, la Rete ribolle, i parlamentari additati. Uno di loro non ci sta, però: il democratico Michele Anzaldi prende carta e penna e accusa la presidente Laura Boldrini per lo spettacolo offerto dal Parlamento.

“Oggi – si legge nella lettera – in occasione dell’’informativa urgente del Governo sul grave attentato in Afghanistan, siamo stati convocati in aula alle 9 del mattino con lettera urgente e con un sms da parte dei capigruppo, ma nonostante questo, si è contemporaneamente lasciato inalterato il calendario delle commissioni”.

“Inoltre, la contemporaneità di lavori parlamentari e presenza in aula, non è stata comunicata né prima né dopo al ministro Mauro e ha fatto sì che le sue ingiuste dichiarazioni sull’aula semivuota, sono divenute i titoli dei media”‘ prosegue il parlamentare dem.

“In un momento così delicato per il nostro paese, soprattutto per il ruolo delle istituzioni, un maggiore coordinamento – conclude Anzaldi – garantirebbe un lavoro migliore ed eviterebbe ulteriori critiche”.

TAG: