Interni STAMPA

Chi è Maria Carmela Lanzetta, ministro degli affari regionali

Ex sindaco di Monasterace, simbolo della lotta per la legalità
Chi è Maria Carmela Lanzetta, ministro degli affari regionali

Maria Carmela Lanzetta, ex sindaco di Monasterace (Reggio Calabria), guiderà il ministero degli affari regionali. Una scelta forte e dirompente, che porta a gestire un dicastero chiave una donna che è divenuta simbolo della resistenza civile al controllo del territorio da parte della ‘ndrangheta e della criminalità organizzata.

Eletta sindaco con una lista civica di centrosinistra dal 2006 non ha mai smesso di affermare e praticare – ogni giorno, da amministratore – la cultura della legalità. Per questo ricevendo minacce e intimidazioni continue che l’hanno costretta a vivere scortata. E che nel luglio scorso l’hanno costretta a gettare la spugna, dopo sette anni di vero e proprio assedio mafioso nei confronti suoi  e dei suoi collaboratori.

Da sempre impegnata nell’associazionismo, della sua scelta di fare politica ha detto: «Ho deciso come di solito faccio io, senza rete di protezione, animata solo dalla volontà di rinnovare un percorso di vecchia politica che durava da quasi trent’anni». E con l’idea di puntare su «regole, legalità, merito, e soprattutto, sul fatto che i cittadini sono tutti uguali e che il sindaco non deve guardare in faccia nessuno, anche fra i suoi stessi consiglieri, assessori e collaboratori.

Arrivata in direzione Pd dopo aver sostenuto Pippo Civati (che nel confronto tv su Sky la citò nel suo Pantheon) alle primarie dell’8 dicembre – il neosegretario Renzi volle che nel parlamentino Pd entrasse un gruppo di amministratori locali – ha portato con sé tutto il suo impegno, la sua motivazione, la sua forza politica.

Ora potrà metterle a disposizione del paese. Anche in questo caso chi la conosce fa sapere che non guarderà in faccia nessuno

@gozzip011

Tutti i ministri del governo Renzi

TAG:
  • rosa

    prima contro adesso va bene volevi solo piu´ attenzione .

  • Kimor Rossi

    Le donne cedono sempre alle lusinghe : volatili come l’ etere