Interni STAMPA

Renzi prepara la risposta a D’Alema e Bersani. Con un libretto

Domani il leader dem chiuderà la Festa dell'Unità. Al centro del suo intervento (e di un opuscolo che sarà distribuito), la volontà di dimostrare che il partito ha una classe dirigente plurale, rispondendo alle accuse che sono arrivate nei giorni scorsi
Renzi prepara la risposta a D'Alema e Bersani. Con un libretto

INVIATO A BOLOGNA – Il Pd è un partito personalistico? Non c’è un gruppo dirigente, ma solo «persone che sono fiduciarie del presidente del consiglio»? Ecco che Matteo Renzi è pronto a dimostrare il contrario. Lo farà domani pomeriggio dal palco della Festa dell’Unità di Bologna, dopo un incontro con alcuni dei principali nuovi leader della sinistra europea. Alcune indiscrezioni, poi smentite, lasciavano presupporre perfino la nomina coram populo della nuova segreteria. Un passaggio che, invece, probabilmente dovrà attendere ancora almeno qualche giorno.

Quel che è certo, intanto, è che Renzi ha voluto mettere nero su bianco non solo l’esistenza, ma anche la pluralità e la diversità al suo interno del gruppo dirigente del Pd. Lo ha fatto con un libretto (eccolo in anteprima) che sarà distribuito domani alla festa e che si intitola 40,8% Lo scatto. In copertina, la foto divenuta celebre che ritrae al Nazareno tanti esponenti dem, di maggioranza e di minoranza, la sera del 25 maggio, dopo le elezioni europee. “Lo scatto” è quella foto, ma è anche lo scatto in avanti di un partito che in un anno cresce di oltre il 15 per cento, ridimensionando non solo la destra, ma anche il M5S. È, infine, lo scatto di un nuovo gruppo dirigente, che prende il posto di quello precedente.

Questo è il senso che Renzi ha voluto dare in questo libro, che raccoglie le testimonianze di tutti i protagonisti di quella foto, il loro ricordo di quella sera. Di tutti più uno: lui. Già, perché Renzi in quella foto non c’era. E nel libretto è Lorenzo Guerini a svelare il retroscena di cosa accadde: «Ad un certo punto della notte Matteo ci dice: “Chiamate tutti e andate su”. [...] “Tu non vieni?”, a chi gli sta accanto viene spontaneo. Quello era il momento. Il risultato era acquisito. 40.8. Avevamo vinto. Oltre ogni aspettativa. Su c’erano i giornalisti e le telecamere che aspettavano. E certamente aspettavano il segretario e le sue parole. “No. Chiamate tutti e andate”. Il tono non ammette repliche».

E in quella, foto, come nel libretto, ci sono tutti: renziani, bersaniani, turchi, dalemiani, franceschiniani, lettiani e via di corrente in corrente. Ci sono Luca Lotti e Nico Stumpo che escono dalla stessa stanza (lo stesso Stumpo al quale Renzi nel pomeriggio aveva mandato un sms per chiedergli: «Come la vedi Nico?»). Ci sono i capigruppo Luigi Zanda e Roberto Speranza. Ci sono ministri, parlamentari, dirigenti. Tutti (o quasi) della nuova generazione.

«Sbaglia di grosso – scrive Renzi nel suo intervento sul libro - chi continua a descriverci come uomini soli al comando: e lo dimostra proprio la foto delle europee. Donne e uomini insieme, una squadra al Nazareno come nel più piccolo dei comuni dove è stato costruito, con fatica e pazienza, questo successo. Da cui partiamo, nel quale non ci siamo crogiolati neanche un istante e che sta lì, non alle spalle, come un bel ricordo, ma davanti a noi, come un orizzonte comune, come una sfida, come una opportunità».

E se questa è la conclusione, viene proprio il sospetto che quello che è successo nei giorni scorsi qui alla Festa, con gli attacchi di Bersani e D’Alema, fosse davvero funzionale allo scopo di Renzi. Al voler dimostrare che il Pd un gruppo dirigente ce l’ha, solo che non è più quello di un tempo.

Sul piano del governo, poi, è il ministro dell’economia a replicare all’ex premier: «Se ho ben capito – ha detto Pier Carlo Padoan a margine del dibattito alla Festa – il presidente D’Alema ha detto che i risultati ancora non si vedono. Concordo, si vedranno presto».

TAG:
  • Vittorio1900

    Renzi cosa vuole rispondere, non c’è un solo risultato positivo dopo 100 gg. ed ha chiesto una proroga di 1000 gg. Non governa per il 40% di voti (serviti a nulla e con il 50% delle astensioni) ma con il 20%. Spiegasse cosa ha concordato con Berlusconi per essere sostenuto e cosa significa ad ogni costo. Quale costo?

    • greföiet/giorgio

      sei proprio adatto per la guerra del 15/18…