Interni STAMPA

Unioni gay, l’Anci scrive a Renzi: serve una legge, vediamoci

Fassino chiede un incontro al premier e al ministro Alfano: «Vanno gestite le ricadute operative in modo uniforme sull'intero territorio del paese». Intanto Pisapia trascrive sette matrimoni omosessuali
Unioni gay, l'Anci scrive a Renzi: serve una legge, vediamoci

Altro che ordinanze prefettizie. Sulla questione della trascrizione delle unioni coniugali contratte all’estero tra persone dello stesso sesso serve una legge. A chiederlo in una lettera al premier Renzi e al ministro dell’interno, Alfano, è Piero Fassino, presidente dell’Anci e sindaco di Torino: «È evidente – scrive – come sia indispensabile un quadro legislativo nazionale che, colmando un vuoto normativo,consenta ai comuni di gestire le ricadute operative in modo uniforme sull’intero territorio del paese».

Piero Fassino, ha chiesto anche un incontro urgente «il tema, infatti – aggiunge – è troppo delicato per essere lasciato al caso per caso, né d’altra parte si può affidarlo ad ordinanze prefettizie. Peraltro giacciono in parlamento numerose proposte di legge depositate da tutti i gruppi parlamentari. E sul piano della coscienza civile il tema ha conosciuto una evoluzione culturale che sollecita ad affrontarlo, superando paure e pregiudizi».

Da qui l’augurio del presidente dell’Anci «che il governo voglia assumere iniziative che consentano di favorire in tempi rapidi l’adozione da parte del parlamento di soluzioni legislative adeguate».
A conferma della necessità di colmare un vuoto normativo che lascia il fianco scoperto ad iniziative di singoli sindaci, arriva quella di Giuliano Pisapia, che ha proceduto poco fa alla firma delle trascrizioni delle prime unioni: si tratta di 7 matrimoni omosessuali. Mentre per converso a Grosseto, dove vi era stata la prima trascrizione su ordine del giudice del tribunale, domani il sindaco provvederà al suo annullamento «ma questo fatto – sottolinea anche Emilio Bonifazi – mostra una volta di più la necessità di una legge o sarà il caos».

All’annullamento della trascrizione dell’unione tra due gay si arriverà dopo la sentenza della corte di Appello di Firenze che ha disposto, appunto, l’annullamento della trascrizione del matrimonio celebrato a New York tra Giuseppe Chigiotti e Stefano Bucci. Il comune aveva registrato le nozze in seguito a una sentenza del Tribunale di Grosseto, impugnata dalla procura.

«Ora i due coniugi faranno ricorso, al Tribunale o in Cassazione – spiega ancora il sindaco di Grosseto – contro la sentenza della Corte di Appello. Se il legislatore non ci mette mano avremo un caos di sentenze».

TAG: