Fotogallery STAMPA

“Europa”, le prime pagine

Le abbiamo scelte fra le migliaia che abbiamo nei nostri computer, sono fra le più belle o comunque quelle che ci ricordavamo come fra le più significative di questa nostra piccola-grande avventura
"Europa", le prime pagine

Eccole, le prime pagine di Europa che abbiamo scelto fra le migliaia che abbiamo nei nostri computer, sono fra le più belle o comunque quelle che ci ricordavamo come fra le più significative di questa nostra piccola-grande avventura di 11 anni, da quel 12 febbraio 2003 che aveva il titolo sull’“Unione alla prova, più forti i venti di crisi”.

Sono prime pagine che rievocano passaggi cruciali della storia internazionale, dallo “squarcio di Madrid” alla guerra di Bush alla pagina bella di Obama, “I democratici sanno vincere”.

E da Giovanni Paolo II a Francesco. Come i nostri lettori sanno questo giornale, nato come organo della Margherita, ha avuto fin dall’inizio una speranza: quella di un nuovo partito, il Partito democratico. E allora ecco il partito “fondato dagli italiani”, poi “In viaggio con Walter”, “Gazebo, gente, voti”, fino al Renzi premier – “E ora pedala” – e la vittoria alle Europee di maggio – “Squadra che vince”. Una corsa lunga più di un decennio. Meno di altri giornali famosi, però per noi è stato tanto. E anche bello.

TAG: