Interni STAMPA

Le dieci proposte dei Giovani democratici che forzano la mano sul Pd

Diritti civili, immigrazione, temi etici e droghe leggere: l'iniziativa dei Gd prova a condurre su posizioni più avanzate il partito: «Il nostro decalogo per promuovere più giustizia e libertà»
Le dieci proposte dei Giovani democratici che forzano la mano sul Pd

Un programma in dieci punti, dieci proposte sulle quali i Giovani democratici raccoglieranno per sei mesi le firme attraverso iniziative pubbliche da organizzare in tutta Italia. Sono quelle presentate ieri a Roma dal segretario Andrea Baldini, in un’assemblea alla quale hanno partecipato anche il capogruppo alla camera Roberto Speranza, le componenti della segreteria nazionale Valentina Paris e Alessia Rotta e alcuni giovani parlamentari.

I temi delle proposte sono variegati e vanno da quelli più tradizionali ad altri più innovativi, da quelli più in linea con le linee programmatiche del Pd ad altri che invece forzano la mano, per orientare in una certa direzione il confronto interno al partito, ad esempio sui temi etici. Ecco tutti i titoli proposti:

 

Sono gli stessi Gd a spiegare che la loro intenzione non è semplicemente di esprimere il loro punto di vista «su singole questioni», bensì sull’intera idea del paese. «Non ci rassegniamo – affermano – all’idea di un paese così com’è oggi, vogliamo contribuire a indicare come potrebbe essere l’Italia. Più colta, più giusta, più verde, dove ci siano opportunità e diritti per tutti».

TAG:
  • Kimor Rossi

    bene finalmente qualcosa di liberalsocialista