Interni STAMPA

L’Europa ha «fiducia in Renzi». Il semestre italiano incassa il piano Juncker

Il consiglio europeo dà il via libera agli investimenti scorporati dal patto di stabilità. Festeggia il premier: «La nostra presidenza lascia un'eredità di crescita e non più solo di austerità». A marzo la commissione deciderà sui conti pubblici: «Ma non sorvegliamo il governo»
L'Europa ha «fiducia in Renzi». Il semestre italiano incassa il piano Juncker

Un “sì” forte e chiaro, anche se ancora da definire nel dettaglio, e un “nì” che probabilmente è più di quanto si potesse oggettivamente sperare. È quanto ha incassato il governo italiano nella tarda serata di ieri da Bruxelles, dove si è svolto il consiglio europeo. L’ultimo appuntamento di fatto prima della chiusura del semestre di presidenza del nostro paese, che avverrà formalmente il 13 gennaio.

Il “sì” riguarda il cosiddetto piano Juncker, cioè quell’impegno sugli investimenti proposto dal presidente della commissione europea e fortemente richiesto proprio dall’Italia. Si tratta di 315 miliardi di euro che saranno utilizzati per rilanciare la crescita economica dei paesi europei. Una minima parte arriverà direttamente da Bruxelles, mentre più consistente sarà la quota che arriverà dai singoli paesi e ancor di più quella che sarà aggiunta da investitori privati. Il consiglio europeo di ieri ha sancito che l’investimento dei singoli paesi sul fondo potrà essere scorporato dal patto di stabilità, consentendo di immettere così denaro a favore della crescita senza mettere a rischio il rapporto deficit/Pil e gli altri parametri sanciti dagli accordi europei.

La commissione presieduta da Juncker varerà nel dettaglio il piano nella riunione del 13 gennaio. La parola passerà quindi ai singoli paesi chiamati a contribuire, che ne discuteranno al consiglio straordinario del 12 e 13 febbraio, per poi far partire definitivamente il piano di investimenti a giugno.

«L’eredità che la presidenza italiana lascia all’Europa è crescita e non più solo austerità». Così Renzi ha salutato con soddisfazione il via libera al piano Juncker. Il documento uscito dal consiglio europeo, ha specificato il premier, «è di compromesso, ma il riferimento alla flessibilità a noi va benissimo», visto che «si richiama con chiarezza il parere favorevole della commissione, c’era invece chi voleva cancellare l’aggettivo favorevole». Per Renzi si tratta di «un piccolo passo avanti per l’Italia, un grade passo avanti per l’Europa».

Il presidente del consiglio ha ringraziato Juncker per il suo impegno, mentre quest’ultimo ha ricambiato esprimendogli «piena fiducia» e chiarendo che la commissione non ha intenzione di sorvegliare il signor Renzi», ma che è semplicemente in corso «una discussione su un certo numero di argomenti che riguardano i conti pubblici». Su tali argomento «decideremo all’inizio di marzo».

Un esame che Renzi non teme: «Il grande Eduardo diceva che gli esami non finiscono mai. Il vero esame per l’Italia sarà nel 2018 quando tornerà alle elezioni, come tutti i paesi normali, dopo cinque anni».

Come detto, però, dal consiglio di ieri è arrivato anche un “nì” al nostro governo. Si tratta della cosiddetta golden rule, ovvero della possibilità per i singoli paesi di proporre autonomamente investimenti interni a favore della crescita, al di là del piano Juncker, escludendo anch’essi – previo parere dell’Ue – dal computo del patto di stabilità. Su questo, «la situazione è pià complicata – ha spiegato il presidente della commissione intervistato da SkyTg24 – perché il patto di stabilità non permette a priori di avere lo stesso tipo di trattamento». A pesare è soprattutto il no della Germania, ma l’argomento tornerà comunque sul tavolo dei prossimi appuntamenti a Bruxelles.

Il cambio di direzione dall’austerity alla crescita, comunque, è ormai un dato di fatto acquisito.

TAG:
  • Guest

    ops..
    concerto rolling stones, danno da 195’000 euro
    Nel mirino della Corte dei conti il vice capo di gabinetto del sindaco Marino incaricato di gestire il grande concerto

    fonte repubblica

  • Paolo Sestu

    L’Europa ha fiducia in Renzi? Il solo premier europeo che si è espresso sull’affidabilità di Renzi è stato Cameron che lo ha definito INAFFIDABILE!